Seguici su Facebook Twitter Canale Youtube Skype Me?! Flickr GOOGLE FOURSQUARE LINKEDIN FRIENDFEED
TUTTI GLI EVENTI E LE NEWS
 Home Page » Eventi & News
 Eventi & News
« Torna all'archivio notizie
ALESSANDRO MARRA - VINIX - RECENSIONE
19 Ottobre 2009 - Genova
Il nome riprende la "bruma", la leggera foschia che avvolge in autunno le vigne, metafora dello stato d'animo del contadino dopo un anno di duro lavoro che il poeta Vincenzo Cardarelli ha rievocato nei versi della sua "Autunno" (raccolta "Poesie", 1936-1942) che compaiono sulle brochures della giovane azienda (vai al sito): "Niente più mi somiglia, nulla più mi consola, di quest'aria che odora di mosto e di vino, di questo vecchio sole ottobrino che splende sulle vigne saccheggiate".


Lui, il "Bruma d'Autunno", è il cru aziendale, ottenuto da uve barbera in purezza del vigneto "Riccardo", vecchio più di 70 anni e parzialmente rinvigorito nel 2000. La produzione è limitatissima, solamente 3243 bottiglie.

Colore? Rosso rubino. Un classico, perfettamente in stile barbera, però direi più luminoso e trasparente. La consistenza? Le piste tortuose di lacrime e archetti lungo le pareti del bicchiere danno un'idea della struttura che di lì a poco si toccherà con mano (si fa per dire�).

Più complessi che intensi i profumi. Un bel frutto croccante, una vivace nota floreale e, sullo sfondo, afflati di tabacco, di terriccio e di vegetale. 14 mesi in botti grandi di rovere francese e 12 mesi di affinamento in bottiglia prima della messa in commercio. Risultato? Il legno esalta e non prevarica.

Il sorso è secco, la componente alcolica (13.5%) si fa sentire il giusto e contribuisce all'atterraggio morbido al palato. La freschezza non sarà quella delle barbera dell'astigiano e dell'albese, per intenderci, ma c'è e lavora bene a braccetto con la sapidità; mai spigoloso il tannino che, anzi, fa la sua figura. Generosa e coerente la beva, gli aromi ciliegiosi e di frutti rossi tornano e ritornano in bocca con un bel ritmo.

Un ottimo corpo. La grande bevibilità, l'eleganza e l'armonico intrecciarsi delle componenti sono le sue frecce migliori. Non è un azzardo scommettere ancora oggi, a più di quattro anni dalla vendemmia, su un'ulteriore evoluzione nel medio termine.

Per l'abbinamento? Io ho optato per un "gemellaggio" con le candele di grano duro al ragù del mio papà. Un successone!
» Prodotto associato: Bruma d'Autunno
» Vai al sito: https://www.vinix.com/degustazioni_detail.php?ID=1807








info@cascinacarpini.it | tel. 0131 800117 | fax 0131 1859657 | Partita IVA 01871430060| ICRF AL 0598 | Numero REA: AL - 206681 | Cookie policy ©2017 Sostanza® S.r.l.